Cerca

UN WEEKEND DOLCE-AMARO QUELLO AL MUGELLO!

Kevin Manfredi arriva al Mugello Circuit dopo aver conquistato un podio la settimana prima nel Mondiale Endurance, proprio alla 24h di Le Mans. Lo Spezzino si presenta in grande forma per la 2° tappa del Campionato Italiano Velocità dimostrandosi velocissimo sin dal giovedì e conquistando la prima fila, con il 3o tempo in griglia di partenza nelle qualifiche di venerdì e sabato! In gara 1 il “Cinghiale Volante” fa parlare di se facendo una gara entusiasmante, rimanendo in testa per metà gara, retrocedendo di un paio di posizioni, per poi tornare in testa sul fotofinish con 0,03 secondi di vantaggio!

Kevin Manfredi: “ Dalla scorsa stagione stiamo lavorando sodo per rimanere davanti, il livello è sempre più alto, per questo non posso che essere contento della mia prima vittoria i in assoluto al Mugello. Rispetto al weekend di Misano abbiamo capito fin da subito i nostri errori e siamo riusciti a risolverli e trovare la strada giusta. In gara 1, dopo essere scattato molto forte, mi sono mantenuto tutta la gara nelle prime 3 posizioni di vertice, studiando i miei due avversari, per capire dove avrei potuto giocarmi la carta della vittoria, senza mai mostrare mai i miei punti di forza. Proprio a 2 giri dal termine ho deciso di andare all’attacco, lasciandomi davanti uno dei due piloti come strategia, perché nel 99% dei casi, prendere la scia dell’avversario sul lungo rettilineo del Mugello fa vincere la gara. Una vittoria incredibile, voluta a tutti i costi e dedicata al mio Team Manager, che era appena stato operato dopo un grave incidente!”

La doccia fredda però arriva subito dopo il podio e gli applausi del pubblico, quando viene comunicato al Team e al Pilota di recarsi in Direzione gara dai Commissari Tecnici, ed è proprio li che viene comunicata la squalifica per “benzina irregolare”. Dal 2018 il CIV obbliga da regolamento tutti i Team a comprare la benzina ELF 102 direttamente dal fornitore service in pista. Il Team Rosso e Nero ha sempre acquistato dal fornitore, come dimostrano le regolari fatture, così come quella utilizzata in gara era appena stata acquistata proprio sul circuito del Mugello ed apparteneva ad un numero di lotto di produzione più recente rispetto ai pochi litri rimasti nel serbatoio della moto dalle qualifiche, appartenenti allo stesso lotto utilizzato anche a Misano e conforme al regolamento in quanto Elf 120 e regolarmente acquistata dal Service in circuito. Avendo utilizzato la stessa benzina Elf 120 ma appartenenti a due lotti diversi, l’analisi fatta in pista sul provino dagli operatori Elf ha rilevato la non conformità dello stesso in quanto con questo tipo di test è impossibile incrociare due curve di livello appartenenti a due lotti differenti. Sul regolamento non vi è alcuna clausola che vieta di miscelare la stessa benzina (Elf 120) appartenente a due diversi lotti, per agevolare le analisi effettuate in circuito, pena squalifica. Il Team, convinto di essere nel giusto, ha immediatamente risposto con un ricorso, per far si che venga esaminato il secondo provino in possesso della Federazione in un laboratorio specializzato, con test più approfonditi rispetto a quelli effettuati sul primo provino direttamente in circuito. La vincita del ricorso vorrebbe dire ottenere nuovamente i 25 punti guadagnati con il podio di gara 1, ma sopratutto, dimostrare a tutti professionalità e correttezza di tutto il Team, davanti al Giudice Nazionale Sportivo. Nel warmup del sabato mattina Kevin, nonostante tutto ciò che è successo la sera prima, scende in pista tranquillo e rilassato, sicuro di dimostrare a tutti il suo potenziale, così, con gomme usate chiude il warmup in seconda posizione con un passo incredibile in vista della gara. La domenica pomeriggio, gara 2 si svolge sull’asfalto bagnato del Mugello Circuit, fin da subito è Kevin a prendere il comando della corsa, alternandosi prima con Cruciani e poi con Roccoli. Al 3o giro dei 13 previsti arriva la prima bandiera rossa, al secondo start è ancora Kevin a comandare il plotone dei 40 agguerritissimi piloti della SSP e mentre si entra nell’ultimo giro, l’ennesimo colpo di scena clamoroso, un’altra bandiera rossa interrompe la gara, questa volta senza possibilità di ripartenza.

Kevin : “Avevo visto che non potevo provare la fuga, in quanto la gara era già stata ridotta a 7 giri, dunque ho deciso di insidiare i miei avversari da dietro per poi attaccare all’ultimo giro, mi sentivo bene e con le spalle coperte grazie al mio compagno di squadra. All’ingresso dell’ultimo giro, Cruciani che conduceva la gara cade e rimane in pista, fino a che non viene esposta la bandiera rossa e visto che erano già stati percorsi 2/3 di gara, la corsa viene sospesa con classifica al giro precedente! Abbiamo fatto un altro podio, un terzo posto che però mi va stretto e non mi soddisfa perché avevamo tutte le carte per fare doppietta con il primo posto del sabato! Siamo comunque stati tra i primi 3 sia sull’asciutto che sul bagnato e questo ci ha confermato il nostro potenziale, è stato quindi un weekend felice e triste allo stesso tempo, perché all’interno di questo Campionato ci sono molte cose che non funzionano, in primis il Regolamento, che spero dopo le numerose lamentele venga modificato.”

Con questi due podi Kevin sale a quota 4 su 5 gare da inizio Campionato, una media niente male, che fa ben sperare in vista dei prossimi appuntamenti. Questo weekend lo Spezzino sarà presente alla 3° tappa di Campionato sul circuito dello Slovakia-Ring per la 8h del FIM Endurance World Championship, poi avrà una breve pausa prima del prossimo appuntamento sul circuito di Oschersleben per la 8h dell’EWC.

Kevin ringrazia tutti gli sponsor e partner tecnici della stagione 2019.


 

©2020 di Kevin Manfredi by @valligirlbossdesign.