Cerca

MANFREDI IN CRESCITA NEL WORLDSSP

Sul circuito di Most in Repubblica Ceca è appena terminato il Round 6 del World Superbike che ha visto scendere in pista, con il numero 34, il portacolori del team Altogo Kevin Manfredi attuale leader del Campionato Europeo Supersport 600.

Kevin anche in questo weekend ha dato il massimo, raggiungendo la sua miglior Superpole a livello di distacco dalla leadership del Mondiale su un circuito a lui totalmente sconosciuto in cui molti team e piloti avevano già effettuato test in precedenza.

Nelle corse in moto però le incognite e le difficoltà da affrontare sono molte, soprattutto in un Campionato di rilievo come il Mondiale e l’Europeo che in questa tappa ha trovato anche un nuovo pretendete al titolo: Federico Caricasulo ex pilota Superbike nel 2020 e Vice Campione del Mondo nel 2019.

Il risultato finale infatti non ha premiato lo Spezzino che voleva replicare la doppietta di Assen.

In Gara 1 mentre Kevin si trovava in piena lotta per la 9ª posizione assoluta, una bandiera rossa ha interrotto la gara con sette giri di anticipo

costringendolo a doversi accontentare del 2º posto Europeo e del 13º assoluto nel Mondiale. In Gara 2 invece, dopo una partenza perfetta ed un ritmo gara migliorato grazie alle modifiche testate nel Warmup della mattina, Kevin avrebbe potuto lottarsi la 7ª posizione finale ma un contatto in frenata con un altro pilota ha cancellato ogni possibilità di ripartenza.


Kevin Manfredi: ”Un weekend che reputo positivo per un certo verso: siamo cresciuti ulteriormente; abbiamo trovato nuove migliorie sulla moto e ci siamo avvicinati molto di più alla top 5 Mondiale già dalle qualifiche, il tutto su un circuito completamente nuovo.

Ancora ci manca un po’ di esperienza, dobbiamo essere più incisivi nelle prove libere e riuscire ad arrivare prima alla soluzione della moto ideale per i weekend di gara, soprattutto ora che il Campionato Europeo si è arricchito con l’arrivo di Caricasulo.

Peccato per il risultato finale, in gara 2 mi sentivo bene e dopo essere partito forte ed essermi inserito nel gruppo di testa, volevo studiare i miei avversari nella prima parte di gara per poi attaccare nella seconda metà con gomme usate e serbatoio più scarico, che era la condizione in cui mi trovavo meglio. Purtroppo però alla frenata della prima curva sono entrato in contatto con Cluzel e non ho potuto evitare la caduta, quando ho rialzato la moto e ho provato a ripartire non c’era nulla da fare, i danni alla moto erano troppi.

Sono comunque ancora Leader di Campionato e insieme al team sappiamo dove poter lavorare nelle prossime gare, anche Navarra sarà nuova per noi, quindi dovremmo stringere i denti e lavorare sodo aspettando Magny Cours che conosciamo un pò meglio e dove lo scorso anno ho ottenuto due vittorie Europee e un 5º posto nel Mondiale.“


Kevin Manfredi dunque si preparerà ad una settimana di pausa prima di ripartire per la Spagna con la 7ª prova di Mondiale ed Europeo Supersport 600, per poi proseguire con il Round 5 del Campionato Italiano sul Circuito del Mugello.


Kevin ringrazia tutti gli sponsor e partner tecnici della stagione 2021.



30 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti