Cerca

POCA FORTUNA, MA BUONA VELOCITÀ

Si è corso questo weekend al Misano World Circuit il 2º Round del CIV 2021, un Campionato che, grazie all’ingresso di Team ufficiali e di piloti provenienti dal Mondiale come per esempio l’ex pilota della categoria Superbike Caricasulo, ha visto un rialzo incredibile del livello in pista.

Kevin Manfredi dopo i problemi riscontrati al Mugello, è tornato finalmente tra i protagonisti grazie ad un ottimo lavoro con il Team Altogo che gli ha permesso di migliorare di turno in turno, tanto da arrivare nel Warmup di domenica mattina con il 2º tempo proprio davanti a piloti come Caricasulo, Roccoli ecc.

Quello che però è venuto a mancare in questo weekend è stato un pizzico di fortuna, che sicuramente avrebbe reso tutto più bello!

Nelle qualifiche del venerdì e del sabato il pilota Spezzino è stato veloce sul passo gara, ma non incisivo quanto serviva sul giro secco, chiudendo così le qualifiche al 15º posto a soli 0.5 decimi di distacco dalla pole position.

In 5 decimi c’erano ben 16 piloti e questo la dice lunga appunto, come anticipato prima, sul livello del Campionato.

In gara 1 Kevin ha scelto la gomma dura fornita da Pirelli, che gli ha permesso di risalire fino all’ 8ª posizione lottando per la 6ª e di ridurre ulteriormente il gap dai primi rispetto a gara 2 del Mugello, un balzo in avanti che ha fatto ben sperare tutti.

Nel Warmup della domenica invece, Kevin ed il Team hanno scelto di stravolgere la moto, una decisione che si è rivelata fin da subito vincente e che ha portato il 26enne ad essere il secondo più veloce in pista e l’unico con gomme usate; un risultato che ha riacceso una possibilità in più per Kevin che era già pronto ad una gara 2 con il coltello tra i denti.


Kevin : “ Questo weekend ci ha permesso di crescere ulteriormente, ma purtroppo, come Team, abbiamo maturato ancora poca esperienza in questa categoria, tanto differente rispetto al Mondiale come regolamento tecnico.

Turno dopo turno stiamo arrivando dove sappiamo di poter stare e sia nel warmup che in gara 2 l’abbiamo dimostrato, segnando il miglior giro della gara.

Purtroppo però il risultato di gara 2 è stato sfalsato dal meteo, con una gara partita con la pioggia e finita sull’asciutto, che ci ha visti fare una scelta azzardata, che probabilmente se fosse stata fatta in anticipo avrebbe potuto ribaltare completamente il risultato della gara.

Due giri di warmup e a seguire un pit stop ai box per passare dalla gomma rain alla slick, questo mi ha fatto perdere il contatto dai primi di circa 1 giro, anche se al mio rientro ero 10 secondi più veloce del primo, i 13 giri non sono bastati a colmare il gap che si era creato, buttando così in fumo quello che avrebbe potuto essere un gran risultato.

Purtroppo con i “se” e con i “ma” non ci si fa nulla, ormai ciò che è stato è stato, voglio comunque cogliere come sempre il positivo da questo weekend e vedere che mancano ancora tante gare alla fine del Campionato quindi nulla è ancora chiuso e che al Mondiale in programma questo weekend a Aragon, possiamo essere più competitivi e determinati grazie a questa doccia fredda!”


Quelle che verranno saranno due settimane molto impegnative per Kevin, che lo vedranno impegnato nelle prime due prove del Campionato Europeo e Mondiale, la prima sul circuito di Aragon in Spagna e la seconda ad Estoril, circuito che, proprio l’anno scorso ha proclamato il numero 34, Campione Europeo 2020.

Non c’è tempo quindi per demoralizzarsi, ma bisogna lavorare ancora più duramente per ottenere il massimo da queste due prove e dimostrare il valore reale del pilota e del Team.


Kevin ringrazia tutti gli sponsor e partner tecnici e vi aspetta incollati agli schermi di Sky sport MotoGP per seguire le prime 4 gare del WorldSBK 2021.



Post recenti

Mostra tutti